Tieni traccia del tuo stato di avanzamento e ricevi gli aggiornamenti

Facendo clic su Tieni traccia dello stato di avanzamento accetti di ricevere da Microsoft gli aggiornamenti sulle risorse di apprendimento di Power BI via posta elettronica. Potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

×

Fantastico! Hai terminato il primo argomento.

Immetti il tuo indirizzo di posta elettronica per tenere traccia del tuo stato di avanzamento e ricevere gli aggiornamenti sui nuovi contenuti di apprendimento di Power BI.

Facendo clic su Tieni traccia dello stato di avanzamento accetti di ricevere da Microsoft gli aggiornamenti sulle risorse di apprendimento di Power BI via posta elettronica. Potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

×

Grazie.

Man mano che procedi nell'Apprendimento guidato, accanto agli argomenti completati verrà visualizzato un segno di spunta verde.

×

Sei diventato esperto dei componenti essenziali

Completata l'introduzione, preparati all'approfondimento.

Trasformazione e origini dati più avanzate

Argomento successivo

Pulizia dei dati non correttamente formattati

Continua

Guarda di nuovo

In questo articolo ci occupiamo dell’analisi di alcune tecniche avanzate di pulizia e importazione dei dati per Power BI Desktop. Dopo aver dato forma ai dati in dell'Editor di Query e averli portati in Power BI Desktop, è possibile esaminarli in diversi modi. In Power BI Desktop sono disponibili tre viste: Report , Dati e Relazioni . Ciascuna visualizzazione è visibile selezionando la relativa icona sul lato superiore sinistro dell'area di disegno. Nella figura seguente, è selezionata la visualizzazione Report. La barra gialla accanto all'icona indica la visualizzazione attiva.

Per modificare la visualizzazione, selezionare una delle altre due icone. La barra gialla accanto all'icona indica la visualizzazione attiva.

Power BI Desktop consente di combinare dati da più origini in un singolo report, in qualsiasi momento durante il processo di modellazione. Per aggiungere origini aggiuntive a un report esistente, selezionare Modifica query sulla barra multifunzione Home e quindi selezionare Nuova origine nell’Editor di Query.

Esistono molte diverse origini dati possibili utilizzabili in Power BI Desktop, incluse le cartelle. Connettendosi a una cartella, è possibile importare dati da più file contemporaneamente, ad esempio una serie di file Excel di file CSV. I file contenuti all'interno della cartella selezionata vengono visualizzati nell’Editor di Query come contenuto binario e facendo clic sull'icona a doppia freccia nella parte superiore della colonna Contenuto sono caricati i relativi valori.

Uno degli strumenti più utili di Power BI è costituito da Filtri. Ad esempio, selezionando la freccia giù accanto a una colonna viene visualizzato un elenco di filtri testuali che consente di rimuovere i valori dal modello.

È inoltre possibile unire e accodare query e trasformare più tabelle (o dati da diversi file, in cartelle) in un’unica tabella che contiene solo i dati desiderati. È possibile utilizzare lo strumento Accoda query strumento per aggiungere i dati da una nuova tabella a una query esistente. Power BI Desktop tenta di associare le colonne nelle query, che è quindi possibile modificare in base alle esigenze in dell'Editor di Query.

Infine, lo strumento Aggiungi colonna personalizzata offre agli utenti esperti la possibilità di scrivere espressioni di query da zero utilizzando il potente linguaggio di M. È possibile aggiungere una colonna personalizzata in base alle istruzioni del linguaggio di query M e ottenere i dati nel modo desiderato.

Request demo